La casa a misura di bambino - Mia Farmacia
Vita da mamma 14 Luglio 2021

La casa a misura di bambino

Consigli per preparare una casa a prova di bambino.

Un ambiente sicuro per i piccoli esploratori

La casa di un bambino deve essere un posto sicuro, dove il piccolo possa muoversi senza pericoli.
Infatti, pur essendo necessario tenere alta l’attenzione, è bene creare un ambiente nel quale i nostri figli possano sperimentare ed esplorare il mondo che li circonda.
I numeri degli incidenti domestici sono elevati: sono circa 600mila i bambini tra 1 e 5 anni che ogni anno si recano in pronto soccorso a causa di incidenti avvenuti in casa.
Quindi soprattutto per i primi anni è importate utilizzare alcuni accorgimenti per evitare incidenti domestici.
Si comincia guardando la propria casa e mettendosi nei panni di un piccolo gattonatore prima ed esploratore poi: da cosa potrebbero essere attirati, e cosa potrebbe costituire un pericolo?

E non dimenticatevi: se i bambini passano tante ore dai nonni, o se si sta per qualche mese nella casa di villeggiatura, i sistemi di sicurezza devono essere presenti anche lì.

MEDICINALI, DETERSIVI & CO

Tra gli incidenti che avvengono più di frequente c’è l’ingestione accidentale di sostanze tossiche, come i detersivi, o quella di medicinali.

Spesso, sottovalutando la pericolosità delle sostanze e la tendenza dei bambini a mettere in bocca qualsiasi cosa, si custodiscono in luoghi facilmente accessibili dai più piccoli.

I medicinali vanno riposti in un armadietto in alto.

Attenzione ai blister da prendere tutti i giorni, come la pillola contraccettiva: se si lasciano sul comodino o sul bancone della cucina sono a rischio ingestione.

Tutte le sostanze potenzialmente tossiche e nocive, cioè tutti i detersivi per la pulizia della casa, i solventi per il legno, i prodotti per sgorgare i lavandini, ma anche i prodotti per la pulizia personale, come lo shampoo, il bagno schiuma o la crema per il cambio del pannolino, vanno riposti in luoghi inaccessibili.

Vuol dire in ripiani alti, non raggiungibili neppure in piedi su una sedia o in mobiletti chiusi, con sistemi di sicurezza appositi.

Per la sicurezza di tutti, non solo dei bambini, ma per loro in particolare non travasare mai sostanze tossiche o detersivi in contenitori normalmente riempiti da sostanze di uso alimentare, per esempio le bottiglie dell’acqua minerale o delle bibite gassate.

Non tenete accendisigari o fiammiferi, né sigarette, sigari e tabacco alla portata dei bambini.

Infine attenzione anche agli alcolici e superalcolici: dimenticativi il carrello all’americana, con i diversi tipi whisky almeno per qualche anno! Riponeteli invece in un’anta posta in alto e difficile da aprire.

IMPIANTI, PRESE E SCALE

Gli impianti elettrici e a gas devono essere costruiti secondo le normative in vigore, provvedendo alla regolare manutenzione.

Gli impianti centrali devono essere dotati di sistemi di sicurezza, definiti interruttori differenziali, il cosiddetto salvavita, ricordando inoltre di valutarne periodicamente lo stato di manutenzione.

Le prese vanno coperte con idonei copri presa.

Evitare di lasciare fili volanti, fili scoperti o aggiustati male.

Un ambiente sicuro per i piccoli esploratori

Attenzione anche a quelle da tavolo, che devono essere inaccessibili.

Gli elettrodomestici di nuova generazione sono sicuri: la lavatrice non può essere aperta in fase di carico dell’acqua, i robot a lama non funzionano se le lame sono libere: sono pensati per la sicurezza di tutti, bambini e adulti.

Attenzione però a vecchi elettrodomestici ancora funzionanti: possono non avere questi sistemi di sicurezza e i cavi potrebbero essere lesionati.

In ogni caso non fate mai utilizzare nessun elettrodomestico ai bambini, neppure il phon.

Se in casa ci sono delle scale interne, queste andrebbero chiuse con i cancelletti, che sono adattabili anche per essere messi davanti al camino per evitare che i bambini si avvicinino.

Attenzione anche alle finestre: mai lasciarle aperte con una sedia o un mobile vicino su cui è facile arrampicarsi.

Se sono facilmente apribili, utilizzare i sistemi di sicurezza per tenerle chiuse.

A TAVOLA SENZA PERICOLI

I pediatri dell’Ospedale Bambino Gesù, raccomandano di non allontanarsi mai quando il fuoco è acceso durante la preparazione dei pasti e di non tenete in braccio il bambino mentre si cucina.

Collocate le pentole sui fornelli posteriori e meno accessibili, con il manico orientato verso il lato interno del fornello, per i fornelli anteriori utilizzate delle barriere di protezione.

Appena possibile, insegnate al bambino a non avvicinarsi ai fornelli o ad altre fiamme libere.

Rilevatori d’incendio e fughe di gas possono essere preziosi, così come è utile tenere un estintore in casa.

A tavola, attenzione alla tovaglia: il bambino potrebbe tirarla, rovesciandosi addosso liquidi e alimenti caldi, corpi taglienti o pentole.

Meglio per i pasti di tutti i giorni utilizzare tovagliette all’americana o i ferma-tovaglia.

Gli armadietti contenenti pentole, padelle e stoviglie devono essere chiusi con appositi ganci.

Se possibile riporre in alto coltelli, forbici ed altri utensili taglienti o pungenti.

Tenere fuori dalla portata dei bambini alimenti di piccolo formato che possono essere accidentalmente inalati, come ceci, caramelle o pasta di piccolo formato.

IN CAMERA DA LETTO

Per evitare soffocamento durante il sonno, non riempite la culla di giocattoli, peluche e oggetti inutili; non fatelo addormentare col biberon.

Evitare laccetti del ciuccio, catenelle, braccialetti o ciondoli quando lo mettete a letto, anche per il pisolino pomeridiano.

Fate addormentare il bambino sul dorso e non sul ventre, per permettere una corretta respirazione in un lettino comodo e adatto alla sua taglia, con sponde alte almeno 75-80 cm e sbarre distanti non più di 8 cm per evitare che ci possa infilare la testa.

Le sponde non vanno mai lasciate, abbassate se il bambino è nel letto.

Evitare i letti a castello prima dei 6 anni, poi dotarli di barre laterali contro la caduta.

GLI STRUMENTI INDISPENSABILI

In una casa dove ci sono bambini, almeno fino a tre anni non dovrebbero mai mancare:

  • i copri-presa: piccoli dispositivi di plastica, da inserire nei fori della presa elettrica.
    Questi impediscono ai bambini sia di inserire direttamente le dita, sia di provare a inserire la presa di un elettrodomestico.

  • i cancelletti per chiudere le scale: adattabili ad ogni dimensione di accesso alle scale, sono pensati per non rovinare il muro.
    Sono difficili da aprire, fino ad una certa età.

  • fermi, paraspigoli e sistemi di chiusura dei cassetti: ce ne sono di modelli diversi a seconda del tipo di tavolo e maniglia degli sportelli.
    Non rovinano i mobili.

  • la spondina per il letto: è preferibile scegliere un letto a misura di bambino, ma se si sceglie di farli dormire in un letto per grandi, ci sono delle sponde da mettere per evitare che il bambino possa cadere.

di Chiara Romeo

ALTRI ARTICOLI


image
L’arrivo a casa del bebè
LEGGI
image
Da gattonare a camminare: le tappe di una conquista
LEGGI